L'A.C.S.I., Associazione Culturale di Solidarietà Internazionale, nasce a Firenze il 19 giugno 1992 dal desiderio di un gruppo di amici di mettere a disposizione le proprie professionalità, le proprie esperienze ed il personale apporto umano a favore di persone, in particolare bambini e ragazzi, di gruppi e di comunità in situazioni di emarginazione e di abbandono o comunque in gravi difficoltà.
L'Associazione è un centro culturale con finalità di solidarietà in ambito internazionale e si impegna per essere presente, ovunque possibile, anche a livello operativo.
I soci sono tutti volontari e l'Associazione non si avvale di personale dipendente.
L'A.C.S.I. ha operato fino ad oggi prevalentemente nei seguenti settori d'intervento:

  • informazione e cultura della solidarietà
  • ricerca e consulenza psicologica
  • corsi di formazione per operatori e volontari del settore
  • educazione alla solidarietà interetnica ed interculturale in ambito scolastico ('Progetto Scuola');
  • sostegni a distanza in favore di bambini;
  • raccolta fondi di solidarietà.

L'A.C.S.I. collabora inoltre con altre associazioni di volontariato toscane, con finalità analoghe, partecipando al Coordinamento UBI MINOR, 'Coordinamento per la tutela dei diritti dei bambini e dei ragazzi'.
Presso la sede vengono organizzati incontri di gruppo e/o per singoli per la divulgazione e la promozione di interventi quali l'adozione, in particolare quella internazionale, e l'affidamento di minori.
Due psicoterapiste, con specifica preparazione ed esperienza nel settore, conducono i gruppi e svolgono anche colloqui individuali, di coppia e per nuclei familiari con presenza di minori. Viene riservata una particolare attenzione alle tematiche riguardanti l'adozione internazionale e, comunque, i rapporti fra persone di etnie diverse.
Quando necessario l'Associazione può contare, a livello di volontariato, sulle consulenze di medici ed avvocati.


Formazione e Informazione
L'A.C.S.I. ha partecipato al Comitato Scientifico ed all'organizzazione di due seminari dal titolo "Famiglia e Servizi pubblici per l'affido" per Operatori dei Centri Affidi (Legge 476 del 31 dicembre 1998): uno per il Comune di Scandicci e l'altro per tutti gli altri Comuni della Toscana. In particolare un membro dell'A.C.S.I. ha avuto funzione di 'conduttore - esperto'. I due seminari (marzo-maggio del 2000) erano organizzati dalla Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Firenze e dal Coordinamento UBI MINOR.
In collaborazione con le altre associazioni del Coordinamento UBI MINOR, l'A.C.S.I. ha organizzato nel 2001 tre seminari (di tre giornate ciascuno) per volontari ed operatori sui temi dell'accoglienza dei minori rispettivamente a Poggibonsi (Siena), a Monsummano (Pistoia) ed a Massa. Un seminario avente le caratteristiche dei tre descritti è stato tenuto ad Empoli nel 2002 ed un socio dell'A.C.S.I. ha avuto la funzione di conduttore.
L'A.C.S.I. ha inoltre partecipato ad incontri con Funzionari della Regione Toscana, in prevalenza nel 2004, e con il Presidente del Tribunale per i Minori di Firenze (maggio 2005) incentrati in particolare sulla prevista chiusura degli istituti per minori entro il 2006. 


Il Progetto Scuola
Attività inerenti al 'Progetto Scuola': serie di incontri, preparati con le insegnanti e facenti parte della programmazione didattica, con classi della scuola dell'obbligo e della scuola materna per 'educarci alla partecipazione ed alla solidarietà'.
Gli incontri coinvolgono soci dell'A.C.S.I., alunni, insegnanti e genitori.
Oltre alla ricerca ed allo scambio di contenuti culturali, attraverso l'attivazione di gemellaggi fra classi italiane e classi parallele all'estero, tutti i partecipanti possono imparare da altre culture il rispetto per la natura, la necessità di un'equa distribuzione delle risorse, la conoscenza dei motivi fondamentali di situazioni sociali ed economiche diverse dalle nostre, e così via.
Quest'attività riesce anche a portare un aiuto economico concreto ai partners più deboli e non solo in denaro, ma ad esempio con la spedizione di magliette dipinte dai bambini italiani per i loro amici.
Le scuole interessate sono attualmente la scuola materna 'Le Fontanelle' di Prato e la scuola media inferiore 'Leonardo da Vinci' di Lastra a Signa. Questa stessa attività è stata svolta in passato anche presso la scuola elementare 'Bruni' e la scuola materna 'Vittorio Veneto', entrambe a Firenze, e la scuola media inferiore 'Cino da Pistoia' di Pistoia.


Sostegni a distanza guidati
I 'sostegni a distanza guidati' (in passato detti impropriamente 'adozioni a distanza') la nostra Associazione li promuove da anni in favore dei bambini di due favelas di Salvador Bahia (Brasile).



Raccolte di fondi per iniziative particolari
Ogni anno l'Associazione organizza raccolte di fondi a destinazione diversa.
Ad esempio in passato ci siamo impegnati nell'aiuto alla Fondation Pueblo Indio del Ecuador a Quito, una fondazione costituita 30 anni fa dal Missionario Leonidas Proanos e riconosciuta dal governo ecuadoriano, che promuove progetti di agricoltura compatibile, organizza i contadini in iniziative di mercato equo e solidale, promuove corsi di alfabetizzazione e bilinguismo nei villaggi montani di Tunibamba (2500 mt. di altitudine) nella provincia di Imbabura. L'intero progetto ha avuto in seguito importanti finanziamenti da ONG internazionali, che gli hanno permesso di proseguire le attività anche senza il nostro contributo.
Diverse raccolte sono state organizzate per il poliambulatorio costruito presso la Missione di Aguas Claras (una delle due Missioni in contatto con noi) a Salvador Bahia. Si tratta di un'attività assolutamente indispensabile per l'intera zona, a cui collaborano anche il governo e le università locali fornendo alcuni medici retribuiti, mentre altri sono volontari. Il nostro contributo è servito all'acquisto della strumentazione e dei medicinali, che in Brasile sono tutti a pagamento.